Preavviso AEC E CODICE CIVILE – risoluzione di un rapporto di agenzia a tempo indeterminato

di | 21 Luglio 2023

Avv. Maria Rosaria Pace

In caso di risoluzione di un rapporto di agenzia a tempo indeterminato, la parte recedente dovrà darne comunicazione scritta all’altra parte con un preavviso, la cui misura è dettagliatamente indicata rispettivamente dall’art.9 dell’A.E.C. del settore Industria del 30.07.2014 e dall’art. 10 dell’A.E.C. del settore Commercio del 16.2.2009 e successive modifiche ed integrazioni.

Cosa prevede  l’AEC in riferimento al preavviso ?

Entrambi gli Accordi prevedono  i medesimi termini di preavviso, vale a dire:

A) Agente o Rappresentante operante in forma di plurimandatario:

– 3 mesi per i primi tre anni di durata del rapporto;

– 4 mesi nel quarto anno di durata del rapporto;

– 5 mesi nel quinto anno di durata del rapporto;

– 6 mesi di preavviso, dal sesto anno in poi.

B) Agente o Rappresentante operante in forma di monomandatario:

– 5 mesi per i primi 5 anni di durata del rapporto;

– 6 mesi per gli anni dal sesto all’ottavo;

– 8 mesi dal nono anno di durata del rapporto in poi.

Aspetto rilevante che occorre sottolineare è quello della parità dell’obbligo di preavviso delle parti contraenti, pertanto, in caso di recesso da parte dell’agente la durata del preavviso sarà di 5 mesi ove si tratti di agenti operanti in forma di monomandatario  ovvero di  3 mesi, per agenti operanti in forma di plurimandatario.

Il Codice civile prevede gli stessi termini?

Il recesso del contratto di agenzia è previsto e disciplinato dall’art. 1750 c.c. , che al terzo comma stabilisce che: “ Il termine di preavviso non può comunque essere inferiore ad un mese per il primo anno di durata del contratto, a due mesi per il secondo anno iniziato, a tre mesi per il terzo anno iniziato, a quattro mesi per il quarto anno, a cinque mesi per il quinto anno e a sei mesi per il sesto anno e per tutti gli anni successivi.

Occorre sottolineare che il codice civile, a differenza degli accordi economici collettivi ,non fa nessuna distinzione tra agente plurimandatario o agente monomandatario né tra disdetta e  dimissioni.

È obbligatorio espletare l’attività durante il periodo di preavviso oppure lo stesso potrà essere sostituito con una indennità?

La norma dettata dagli AEC prevede che “ Ove la parte recedente, in qualsiasi momento, intenda porre fine, con effetto immediato al rapporto, essa dovrà corrispondere all’altra parte, in sostituzione del preavviso, una somma a titolo di risarcimento pari a tanti dodicesimi delle provvigioni di competenza dell’anno civile (1° gennaio – 31 dicembre) precedente quanti sono i mesi di preavviso dovuti.

In caso di esonero da una parte di preavviso la parte recedente corrisponderà all’altra una somma a titolo di risarcimento pari a tanti dodicesimi delle provvigioni di competenza dell’anno civile precedente (1° gennaio – 31 dicembre) quanti sono i mesi di preavviso non effettuati”

Si ricorda, inoltre, che i termini di preavviso decorrono dal momento in cui l’altra parte ne viene a conoscenza potendosi ben configurare sia la disdetta che le dimissioni come un atto unilaterale recettizio.

A cura dell’Avv. Maria Rosaria Pace

Consulente nazionale TrovoAgente.it

2 pensieri su “Preavviso AEC E CODICE CIVILE – risoluzione di un rapporto di agenzia a tempo indeterminato

  1. Maria Vittoria

    Buonasera avvocato. Ho lavorato come agente di commercio plurimandatario dal 1 gennaio 2023 al 26 giugno 2023, quindi quasi 6 mesi ed ho percepito provvigioni pari ad 8000 eu. L’azienda per la quale lavoravo ha chiuso il mandato senza preavviso e senza giusta causa . Il contratto era a tempo indeterminato e regolato dagli AEC del commercio. Mi viene contestato il calcolo che ha elaborato il sindacato e cioè 8000,00 : 6 mesi di lavoro x 3 mesi di mancato preavviso che la mandante mi dovrebbe pagare. Ha ragione la mandante che sostiene di dover dividere gli 8000,00 eu per 12 e poi moltiplicarli per 3 o ha ragione il sindacato agenti al quale mi sono rivolto?
    La ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti

    Rispondi
    1. Avv. Maria Rosaria Pace Autore articolo

      Buongiorno
      Il calcolo del preavviso deve essere effettuato sulla scorta di quanto stabilito dagli accordi Economici collettivi ovvero :
      Qualora il rapporto abbia avuto una durata inferiore a dodici mesi “il detto computo si effettuerà in base alla media mensile delle provvigioni e degli altri corrispettivi maturati durante il rapporto stesso”
      Non bisogna divedere per 12

      Resto a disposizione
      Saluti
      Avv Maria Rosaria Pace
      0823.1848857

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *