Agenti di Commercio: Assegno unico, ecco la tabella di marcia completa per domanda e pagamenti

Aggiornamento 25/01/2022

Attenzione alla data di presentazione della domanda per l’assegno unico. Da questa dipenderà anche la data di pagamento e gli eventuali arretrati

Agente di Commercio

L’assegno unico inizierà ad essere pagato, mensilmente, da marzo 2022. Riceverà subito l’importo chi presenterà domanda entro fine febbraio. Per chi la presenta dopo, le regole sono leggermente diverse.

Vediamo in dettaglio, quindi, tutte le date che il beneficiario dovrà segnare sulla propria agenda.

Le date per la domanda assegno unico

L’assegno unico per i figli a carico si ottiene dietro presentazione di apposita domanda all’INPS. A questo proposito, è stabilito che:
  • per le domande presentate a gennaio 2022 e febbraio 2022, l’assegno sarà corrisposto a partire dal mese di marzo 2022
  • in caso di domande presentate dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022, l’assegno unico spetta, comunque, a partire dal mese di marzo 2022 (quindi, sono pagati anche gli arretrati)
  • per le domande presentate dopo il 30 giugno 2022, l’assegno decorre dal mese successivo a quello di presentazione della richiesta (quindi si perdono gli arretrati)
  • L’importo spettante (che dipende dall’ISEE del nucleo familiare) è pagato, mensilmente, direttamente dall’INP.

    Le date per il pagamento

    La prestazione è pagata da marzo a febbraio dell’anno successivo (dunque, la richiesta ha validità annuale). In merito alle date di pagamento è previsto che:
    • per le domande presentate a gennaio e febbraio i pagamenti cominceranno ad essere erogati dal 15 al 21 marzo
    • per le domande presentate successivamente il pagamento verrà effettuato alla fine del mese successivo a quello di presentazione della domanda
    Quindi, ad esempio, per una richiesta di assegno unico presentata a maggio 2022, il pagamento avverrà dalla fine del mese di giugno 2022 (ed includerà anche gli arretrati da marzo in poi). Per una domanda presentata a luglio 2022, l’assegno sarà pagato dalla fine di agosto 2022 (e non saranno, in questo caso, corrisposti gli arretrati).

    Assegno unico, per i figli a carico una definizione ad hoc

    Per l’assegno unico, ai fini del diritto, non bisogna guardare le soglie reddituali previste per considerare figli fiscalmente a carico del genitore

    L’assegno unico spetta per i figli “a carico”, dice la normativa. La quale, fornisce anche una definizione ad hoc a tal fine che è ben diversa da quella ai fini fiscali. In altri termini per figli a carico non devono intendersi quelli a carico “fiscalmente”.

    Ma andiamo con ordine.

    L’assegno unico è per ogni figlio a carico

    L’assegno unico, che farà il suo debutto a marzo 2022, spetta ai nuclei familiari:
    • per ogni figlio minorenne a carico e, per i nuovi nati, decorre dal settimo mese di gravidanza
    • per ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni in capo al quale è soddisfatta una o più delle seguenti condizioni:
      • frequenta un corso di formazione scolastica o professionale, ovvero un corso di laurea
      • svolge un tirocinio ovvero un’attività lavorativa e possieda un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui
      • sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego
      • svolge il servizio civile universale
    • per ogni figlio a carico con disabilità senza limiti di età
    L’importo spettante (che dipende dall’ISEE del nucleo familiare) sarà pagato mensilmente direttamente dall’INPS (quindi non in busta paga). Spetta da marzo a febbraio dell’anno successivo (ogni anno bisogna fare domanda) e sostituisce le detrazioni per figli a carico fino a 21 anni (senza limiti per figli disabili) e l’assegno familiare per figli a carico.

    La definizione di figlio a carico

    Come detto, l’assegno unico spetta per i figli “a carico”. A questo proposito la normativa fiscale dice che si possono considerare a carico del genitore i figli che (anche se non conviventi con il genitore) hanno conseguito un reddito complessivo
    • uguale o inferiore a 4.000 euro, se trattasi di figli di età non superiore ai 24 anni
    • uguale o inferiore a 2.840,51 euro, se trattasi di figli con età oltre i 24 anni
    Con riferimento all’assegno unico, invece, la stessa normativa che lo ha istituito stabilisce che ai fini di tale prestazione si considerano a carico del genitore i figli che risultano nel nucleo familiare ai fini dell’ISEE. Non bisogna, dunque, guardare alle citate soglie reddituali.

    Fonte: InvestireOggi

    Cerchi Agenti di Commercio? Trovali con TrovoAgente.it

    Potrebbe interessarti anche: Bollo Auto 2022: pagamento, esenzioni e agevolazioni!

    Annunci e offerte di lavoro per agenti e rappresentanti

    Su TrovoAgente.it troverai tantissime offerte di lavoro in Italia o all'Estero per agenti di commercio e venditori. Puoi liberamente consultare migliaia di annunci di lavoro, inoltre con una semplice registrazione gratuita potrai ricevere sempre tutte le nuove offerte di lavoro direttamente nella tua casella di posta elettronica.

    oppure consulta direttamente gli ultimi annunci

    Area Azienda




    Inserisci Annuncio

    Come funziona

    Quanto Costa

    Pagamento

    Pagamento (Ris.)

    Pannello Azienda

    Contattaci

    I nostri Partner


    Jobsora Trova un lavoro oggi! Jooble Lavoro in Italia Agenti di Commercio Agenti di Commercio Agenti di Commercio Formazione Agenti di Commercio Agenti di Commercio

    Siamo sui Social


    Facebook
    Twitter
    Linkedin