Limite all'uso del contante: 2000 euro anche per il 2022

Aggiornamento 22/02/2022

Con un emendamento al decreto Milleproroghe, approvata la modifica retroattiva del tetto massimo per i pagamenti con denaro contante, la soglia scesa a 1.000 euro dal 1° gennaio 2022, torna a 2.000 euro. La riduzione del limite a 1.000 euro slitta al 1° gennaio 2023.


La novità si applica anche ai trasferimenti di denaro, oltre la soglia modificata, già effettuati dall’inizio dell’anno, quando il limite è temporaneamente sceso a 1000 euro; in particolare, per il principio del favor rei, tali trasferimenti è come se non fossero mai stati effettuati a condizione, però, di non aver superato la soglia di 1.999,99 euro.

Il limite al trasferimento del denaro contante deve essere osservato a prescindere dalla causale sottostante e dal rapporto intercorrente tra i due soggetti interessati, pertanto, sarà valido non solo per l’acquisto di beni e servizi, ma ad esempio, anche per le donazioni; in tal caso se l’importo dovesse essere superiore a 1.999,99 euro, dovrà essere effettuato attraverso un mezzo in grado di assicurarne la tracciabilità, come un assegno bancario o circolare.

Opera il divieto di frazionare l’operazione al fine di aggirare il limite massimo; il divieto non può essere superato anche se il trasferimento viene effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati.

Sotto il profilo economico per operazione frazionata si intende un’operazione unitaria di valore pari o superiore ai limiti stabiliti dal D.Lgs. n. 231/2007, posta in essere attraverso più operazioni, singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi e in un circoscritto periodo di tempo fissato in 7 giorni.

In ogni caso, l’Amministrazione finanziaria verificherà, di volta in volta se sussistano elementi tali da far ritenere che il frazionamento dei pagamenti sia effettuato con il chiaro intento di “aggirare” il limite al trasferimento del denaro contante, con lo specifico scopo di sottrarsi al divieto legislativo.

Il pagamento in due o più rate di una fattura, di un importo complessivamente corrisposto superiore al limite massimo, non presenta violazione della disposizione, purché i singoli importi corrisposti siano inferiori al limite di 2.000 euro.

Effettivamente, rientra nella prassi commerciale il pagamento dei fornitori a 30, 60 e 90 giorni data fattura, in tal caso il pagamento in più rate della somma dovuta non è eseguito con lo specifico intento di eludere la soglia.

Per le operazioni di versamento o prelevamento bancario, il soggetto non deve osservare alcun limite, in quanto non sta effettuando alcun trasferimento di denaro in favore di soggetti diversi. Infatti, il denaro è nella sua disponibilità in quanto in giacenza sul conto corrente e continua ad essere nella sua disponibilità dopo il prelievo.

Ciononostante, pur non configurandosi alcuna violazione, il frequente e sproporzionato utilizzo del denaro contante, potrebbe indurre l’istituto di credito – per la normativa sull’antiriciclaggio – alla richiesta di informazioni sulla provenienza del denaro o sulle finalità del prelievo e solo, qualora tali indicazioni non fossero convincenti, alla comunicazione all’UIF di operazione sospetta.

Fonte: studioviglionelibretti.it

Cerchi Agenti di Commercio? Trovali con TrovoAgente.it

Potrebbe interessarti anche: Uso denaro contante: dal 1 gennaio 2022 soglia massima a 1.000 euro

Annunci e offerte di lavoro per agenti e rappresentanti

Su TrovoAgente.it troverai tantissime offerte di lavoro in Italia o all'Estero per agenti di commercio e venditori. Puoi liberamente consultare migliaia di annunci di lavoro, inoltre con una semplice registrazione gratuita potrai ricevere sempre tutte le nuove offerte di lavoro direttamente nella tua casella di posta elettronica.

oppure consulta direttamente gli ultimi annunci

Area Azienda


Inserisci Annuncio

Come funziona

Quanto Costa

Chiedi Preventivo


Pagamento

Pagamento (Ris.)

Pannello Azienda

Contattaci

Valuta il servizio

Partner
Jobsora Trova un lavoro oggi! Jooble Lavoro in Italia Agenti di Commercio Agenti di Commercio Agenti di Commercio Formazione Agenti di Commercio Agenti di Commercio