Agenti di commercio: Elencazione tassativa per la ritenuta d’acconto sulle provvigioni

Aggiornamento 20/07/2022

Ai fini dell’applicazione della ritenuta d’acconto sulle provvigioni, l'elencazione dei rapporti contenuta nella norma è da considerarsi tassativa


Ai fini dell’applicazione della ritenuta d’acconto sulle provvigioni, l'elencazione dei rapporti contenuta nella norma è da considerarsi tassativa: restano, quindi, assoggettate alla ritenuta solo le provvigioni comunque denominate percepite dai commissionari, dagli agenti, dai mediatori, dai rappresentanti di commercio e dai procacciatori d'affari per le attività da questi poste in essere. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 346 del 27 giugno 2022. Laddove dallo schema convenzionale non emergano gli elementi tipici caratterizzanti le attività elencate dall'art. 25-bis, D.P.R. n. 600/1973 sui compensi che saranno erogati non si applica la ritenuta d'acconto.

Con la risposta a interpello n. 346 del 27 giugno 2022, l’Agenzia delle Entrate ha reso chiarimenti sulla ritenuta d’acconto.

L'art. 25-bis, comma 1, D.P.R. n. 600/1973 prevede che i soggetti indicati nel primo comma dell'art. 23, escluse le imprese agricole, i quali corrispondono provvigioni comunque denominate per le prestazioni anche occasionali inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento di affari, devono operare all'atto del pagamento una ritenuta a titolo di acconto dell'Irpef o dell'Irpeg dovuta dai percipienti, con obbligo di rivalsa.

Al riguardo, con la circolare del Ministero delle Finanze 10 giugno 1983, n. 24, è stato precisato che l'elencazione dei rapporti contenuta nella norma è da considerarsi tassativa e che restano, quindi, assoggettate alla ritenuta solo le provvigioni comunque denominate percepite dai commissionari, dagli agenti, dai mediatori, dai rappresentanti di commercio e dai procacciatori d'affari per le attività da questi poste in essere.

Laddove dallo schema convenzionale non emergano gli elementi tipici caratterizzanti le attività elencate dall'art. 25-bis del D.P.R. n. 600/1973 e sui compensi che saranno erogati dalla società non si applica la ritenuta d'acconto.


Fonte: IPSOA.it

Cerchi Agenti di Commercio? Trovali con TrovoAgente.it

Potrebbe interessarti anche: Chi può richiedere l’assegno di 525,38 euro al mese che incasserà fino a quando potrà andare in pensione

Annunci e offerte di lavoro per agenti e rappresentanti

Su TrovoAgente.it troverai tantissime offerte di lavoro in Italia o all'Estero per agenti di commercio e venditori. Puoi liberamente consultare migliaia di annunci di lavoro, inoltre con una semplice registrazione gratuita potrai ricevere sempre tutte le nuove offerte di lavoro direttamente nella tua casella di posta elettronica.

oppure consulta direttamente gli ultimi annunci

Area Azienda


Inserisci Annuncio

Come funziona

Quanto Costa

Chiedi Preventivo


Pagamento

Pagamento (Ris.)

Pannello Azienda

Contattaci

Valuta il servizio

Partner
Jobsora Trova un lavoro oggi! Jooble Lavoro in Italia Agenti di Commercio Agenti di Commercio Agenti di Commercio Formazione Agenti di Commercio Agenti di Commercio